sabato 29 dicembre 2012

L’elettorato smarrito all’incrocio buio

"L’elettorato smarrito all’incrocio buio"
Paolo Francesco Barbaccia Viscardi
Carissimi cittadini, o meglio dire, caro popolo italiano (vi chiamo “popolo” e sono orgoglioso di farne parte),
voglio esternarvi la mia amarezza nel vedere prenderci ancora per i fondelli da questi burocrati che si fanno chiamare politici della Repubblica Italiana (già venduta).
Chi vi parla è Paolo Francesco Barbaccia Viscardi, senatore accademico ed ex candidato per la Camera e Senato nell’87 di “Alleanza Popolare”.
 

Allora non fui eletto e oggi ne gioisco perché se fossi in questa mischia, o sarei diventato come tutti loro, o mi avrebbero già cancellato dalla scena politica.
Però qualche parola vorrei esprimere a proposito degli eventi in atto.
Cominciamo dalla figura del Presidente della Repubblica (qui potete leggere la mia lettera recentemente inviatagli).
Per la salvaguardia della Costituzione doveva essere proprio lui a prendere le redini del Governo Politico dopo Berlusconi, invece di consegnarlo ai Tecnici.
I politici di oggi dei partiti di  "pigliatutti" alias  “pigliatutto”  non si distinguono quasi uno dall’altro nella corsa alla conquista di tutti gli elettori disponibili per tutte le cariche acquisibili: anzi assomigliano al caleidoscopio, formando delle alleanze variopinte, instabili e sconcertanti ad ogni cambiamento delle circostanze che cambiano di continuo.
Il centro, invece, sembra da sempre in attesa per consegnare la poltrona e dare la rappresentanza politica ad ex-tecnico S.E. senatore a vita Presidente Mario Monti appoggiato dall’Osservatore Romano (certamente il lupo perde il pelo, ma non il vizio - e qui la nostra fede continua a traballare perché è difficile coniugarla alla politica dello Stato Vaticano: allora, forse è il tempo di una nuova Crociata? Scendete in campo o salite anche  voi in politica - Deus lo vult?).
Vediamo lo scempio della magistratura che lascia l’incarico di imparzialità e decide di prendere parte e si scopre che anche loro hanno preferenze: la domanda  viene naturale - furono da sempre imparziali quando indossavano la toga?


Io credo che questa nostra “Italia” è stata già venduta.
Do un semplice esempio: avete notato che ci sono sempre più divieti nel territorio demaniale?... una passeggiata nella natura diventa sempre più difficile poichè metti piedi in una proprietà privata di qualcuno!
Cari Signori - politici,
Vi ricordo che nella Prima Guerra mondiale per i confini dello Stato Italiano sono caduti tanti. La Seconda Guerra ci ha liberato dal nazifascismo.
Ed io come cittadino italiano oggi non desidero sottostare ad altre bandiere (con tutto il rispetto alle nazioni) tranne quella italiana, come non desidero orientarmi alle banche e allo spread, ma alla volontà del popolo sovrano manifestato attraverso buona e sana politica!
Ditemi voi chi devo votare - io non lo so!
Per la prima volta nella mia vita - non so chi votare!

Intanto BUON ANNO 2013 a tutti e che Dio ci salvi!
Paolo Francesco Barbaccia Viscardi



lunedì 10 dicembre 2012

BUON NATALE 2012 !



"LA VOCE DELLA TOSCANA"
BUON NATALE 2012 !

    
 
http://4.bp.blogspot.com/_v64Ab6FA7ag/TG6ccaUuIpI/AAAAAAAABBY/xTFAC8TiD-o/s1600/canc.torcivia.jpg

S.E. Dott. Giuseppe Torcivia
Cavaliere di Gran Croce di Giustizia dell'Ordine Teutonico della Sovrana Casa di Svevia
Gran Cancelliere Magistrale


FESTIVITA' 2012 - 2013

GLI AUGURI DEL SOVRANO ORDINE MILITARE E OSPITALIERO DI S.MARIA DI GERUSALEMME TEUTONICO


BUON NATALE
A chi " batte il male circondandolo da ogni parte con il bene " ( Papa Giovanni Paolo II )
A chi saluta ancora con un bacio
A chi sa dare senza ricevere
A chi conserva ancora il primo amico
A chi dedica parte del suo tempo libero agli altri
A chi non tradisce un'amicizia
A chi ama e continuerà a farlo
A chi non rinnega mai le proprie idee e rispetta quelle degli altri
A chi dà ad una stretta di mano ancora un valore
A chi da tempo non c'è più, ma ci guarda, ci ama e ci guida da lassù

BUON NATALE
Agli audaci : che inventano le cose che non c'erano; che osano sfidare gli Eventi; che superano ostacoli e smontano i luoghi comuni; che si battono per un'idea e fanno quello che gli altri non farebbero. Non mollano mai e cambiano le cose.
Un augurio a tutti noi perchè questo Natale ci faccia sentire più vicini ai meno fortunati. Ci trovi migliori, più umili, più realisti e ci ricordi che: " siamo tutti disegnati a matita ", non si può superare nessun Limite, non si può inseguire sempre il successo, non si può affermare nessuna certezza se non si è imparato nulla dai nostri errori del passato.
Un augurio perchè questo Natale e il Nuovo Anno vedano la sconfitta dell'egoismo, il trionfo di una " fraternità perfetta ", una migliore e serena vita per tutti.
Regaliamo un sorriso a chi si sente solo.
Regaliamo una carezza a chi sa apprezzare i gesti semplici.
Regaliamo amore a chi lo merita.
Regaliamo i nostri migliori pensieri a chi non si arrende di fronte alle difficoltà della vita e lotta sempre contro tutte le ingiustizie.
E a noi Cavalieri Teutonici della Sovrana Casa di Svevia - continuate a regalarci la vostra Stima e Amicizia.

AUGURI DI BUON NATALE E DI BUON ANNO SERENO!


NOTA AUGURALE del Gran Maestro e del responsabile del giornale “La voce della Toscana”
Paolo Francesco Barbaccia Viscardi

In questo anno di governo Monti voglio augurare un buon Natale e un Felice Anno Nuovo ai “Grandi della Terra” e che si ricordino che sono “grandi” perché i popoli pagano loro per essere rappresentati.

All'Europa voglio augurare un buon Natale e un Felice Anno Nuovo, a quella Europa dei popoli.

Auguro un buon Natale e un Felice Anno Nuovo ai politici italiani che capiscano che sono servi del popolo e non sono i loro sovrani, e che imparino e osino a difendere la sovranità di un popolo con un passato glorioso.

Infine auguro un buon Natale e un Felice Anno Nuovo al popolo italico - popolo “di Roma” che ha una cultura infinita, una storia imparagonabile e mitica.
Ecco i miei auguri:

che non si abituano al termine “l'Italia è sorvegliata speciale”, 

che capiscono l'intreccio politico nella quale sono stati trascinati i popoli europei, 

che realizzino che stanno cedendo la propria sovranità ad essere governati dal padre-denaro (o dagli altri paesi: Germania? Francia? Regno Unito? Chi altro?)
 e 
 che nessuna forza politica fino ad oggi ha difeso questa sovranità 
che abbiano la capacità di scegliere quelli che sapranno ricuperare la dignità della sovrana ITALIA.

P.pe Paolo Francesco Barbaccia Viscardi, Gran Maestro